2° edizione della Randstad CNOS Cup alle OSDB

FABIO SANTINELLI VINCE LA TAPPA SESTESE DELLA RANDSTAD CNOS CUP

La Randstad CNOS Cup è una competizione fra centri di formazione professionale salesiani, estesa su tutto il territorio nazionale, organizzata dall’agenzia per il lavoro Randstad Italia, divisione Technical. Nata nel 2017, mira a individuare i migliori programmatori CNC in zone selezionate a seconda della richiesta di figure professionali proveniente dalle aziende.

La quarta tappa (di otto) di questa 2a edizione si è svolta il 13 marzo scorso presso le Opere Sociali Don Bosco, e ha visto la partecipazione degli allievi della 3a meccanica del Centro di Formazione Professionale CNOS-FAP “Enrico Falck”.

La gara, composta da due prove, è stata presieduta da Giulia Sacchi (responsabile nazionale di Randstad Italia, divisione Technical), Mara Vitali (account manager Randstad Technical presso la filiale di Vimercate), Cristina Tomagra (project manager Randstad Technical), da Maurizio Todeschini, segretario nazionale CNOS-FAP del settore meccanico industriale, e da Mario Stevanella (formatore CNOS-FAP, certificato Heidenhain, che ha formato i ragazzi per la competizione e ne ha effettuato la valutazione).

La prima prova, della durata di un’ora e mezza, è consistita nella redazione di un programma per macchine a controllo numerico CNC di tornitura, simile a quello che i futuri tecnici potrebbero incontrare nelle aziende. La preparazione e la correzione del test sono state effettuate dai formatori degli allievi in base alla loro classe di appartenenza e al linguaggio di programmazione CNC usato (nel caso di Sesto San Giovanni: Heidenhain).

Nella seconda prova la giuria ha potuto verificare le competenze trasversali degli studenti, in termini di problem solving e capacità collaborative, tramite lo svolgimento di un “role play” che li ha visti protagonisti nel ricreare una storia comune sulla base di alcune immagini consegnate personalmente a ciascun alunno che, senza farle vedere agli altri, doveva spiegare cosa rappresentassero dal suo punto di vista. Anche questa simulazione è stata finalizzata a testare le skills del gruppo di studenti in vista di un possibile colloquio di lavoro.

Lo studente che è stato decretato vincitore e che si è così aggiudicato il passaggio alla finale della Randstad CNOS Cup è FABIO SANTINELLI. «Non mi aspettavo di vincere – ha detto Fabio al termine – ero un po’ agitato per la prova, che era sì impegnativa, ma adatta al nostro livello. Sono contentissimo di poter andare ad Udine per la finale nazionale».

L’ultima tappa della Randstad CNOS Cup si terrà infatti verso la fine del mese di maggio 2019 presso l’Istituto Salesiano “Gioachino Bearzi” di Udine. In bocca al lupo al nostro Fabio! (Che nella foto pubblicata è il secondo da sinistra in primo piano).

 

Inaugurazione dei nuovi laboratori del Settore “Energia”

INAUGURATI I NUOVI LABORATORI DEL SETTORE ENERGIA

Nuovi spazi per allievi e per aziende presso le Opere Sociali Don Bosco

Le Opere Sociali Don Bosco, si ampliano e si rinnovano in continuazione, per offrire nuovi e più adeguati spazi didattici e formativi ai propri allievi, e ulteriori occasioni per le aziende partner. Questa volta è toccato al “Settore Energia” del Centro di Formazione Professionale CNOS-FAP “Enrico Falck”. L’occasione scelta è stata quella della festa liturgica di don Bosco, sempre attento, come i suoi figli spirituali, ad offrire il meglio ai propri ragazzi.

L’inaugurazione è avvenuta giovedì 31 gennaio 2019 presso il nuovo Palazzo Schuster delle Opere Sociali Don Bosco, alla presenza del Direttore delle Opere stesse don Elio Cesari, del direttore nazionale della Federazione CNOS-FAP don Pietro Mellano, del direttore del CFP locale dottor Francesco Cristinelli, e del professor Massimiliano Boracchi referente del Settore Energia del CFP. Le aziende Bosch e Vaillant (principali artefici dei rinnovati laboratori), presenti con i loro vertici nazionali, hanno descritto gli impianti e delle nuove attrezzature. Molto apprezzati anche gli interventi dei responsabili di Eurotubi e di Grohe.

I giornalisti de Il Giorno e de Il Gazzettino (sempre attenti alle iniziative delle Opere Sociali Don Bosco) hanno dato ampio risalto all’inaugurazione.

 

 

 

Le Opere Sociali Don Bosco a fianco della Croce Rossa Italiana nell’ambito del progetto Esiras

Le Opere Sociali Don Bosco a fianco della Croce Rossa Italiana nell’ambito del progetto Esiras

Le Opere Sociali Don Bosco stanno collaborando con la Croce Rossa Italiana – Comitato di Milano nell’ambito del progetto Esiras.

Il Programma per l’Occupazione e l’Innovazione Sociale della Commissione Europea è stato istituito per contribuire al raggiungimento degli obiettivi comunitari di promozione di alti livelli di qualità e sostenibilità del lavoro, di protezione sociale, di lotta all’esclusione sociale e alla povertà. In tale quadro si inserisce il progetto “ESIRAS – Employability and Social Integration of Refugees and Asylum Seekers”, avviato nel mese di gennaio 2018 e che coinvolge la Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (FICR) e, per l’implementazione, la Croce Rossa di Milano e altre sei società consorelle, rispettivamente in Austria, Cipro, Danimarca, Francia, Gran Bretagna e Slovenia. Per tutta la durata del progetto il Comitato Nazionale CRI supporterà la Croce Rossa di Milano per il monitoraggio, mentre alla Croce Rossa spagnola spetterà il coordinamento generale dei progetti pilota nei vari Paesi.

Il progetto ESIRAS, avente una durata di 18 mesi, è finalizzato a favorire l’integrazione socio-lavorativa di persone rifugiate e richiedenti asilo, prevedendo a Milano l’apertura di un Centro d’Integrazione tra giugno e luglio 2018. In particolare, 400 persone saranno destinatarie delle attività progettuali CRI e, tra di esse, circa 150 persone saranno coinvolte in percorsi preparatori all’inserimento lavorativo mentre almeno 60 saranno beneficiari di training professionali specifici organizzati dal Centro d’Integrazione. Fornire formazione e training ai richiedenti asilo e ai rifugiati, in particolare quelli senza pregresse esperienze lavorative e con mancanza di formazione specifica, mira a facilitare l’inclusione nella società e nel mercato del lavoro.

Riassumendo, i risultati attesi dal progetto ESIRAS sono:  1) Migliorare l’integrazione dei migranti nel mondo del lavoro; 2) Migliorare l’integrazione e l’inclusione di rifugiati e richiedenti asilo; 3) Fornire informazioni e assistenza in risposta a bisogni individuali dei rifugiati e dei richiedenti asilo.

Negli scorsi mesi un gruppo di giovani rifugiati e richiedenti asilo di origine africana, hanno svolto presso il Centro di Formazione Professionale “Enrico Falck” Cnos-Fap un corso per operatori di “Macchine utensili tradizionali” e attualmente, grazie ai Servizi Al Lavoro delle Opere Sociali Don Bosco, stanno intraprendendo un percorso di inserimento lavorativo nelle aziende della zona.

Il signor Silvano Casiraghi, cooperatore salesiano ed esperto formatore del settore meccanico della formazione professionale, si è confermato come ottima guida ed educatore attento e accogliente.

Il video realizzato da Croce Rossa Italiana

Aperte le iscrizioni per i nuovi corsi ITS e IFTS

Fino al 17 settembre è aperto il bando di selezione ai corsi ITS e IFTS

I corsi ITS e IFTS della FONDAZIONE LOMBARDIA MECCATRONICA offrono la possibilità a chi desidera proseguire gli studi – ma che vede il percorso universitario troppo teorico o comunque eccessivamente lungo – di specializzarsi ulteriormente in un settore strategico come quello della meccatronica.

Tali percorsi, sviluppati sul modello della formazione duale tedesca, presentano come peculiarità la forte integrazione con il sistema delle imprese, poiché prevedono una significativa percentuale di formazione erogata direttamente da tecnici aziendali, oltre a 400 ore di formazione on the job per ogni anno formativo.

Per garantire una modalità di lezione applicativa e interattiva i corsi offerti dalla FONDAZIONE LOMBARDIA MECCATRONICA sono a numero chiuso. Fino al 17 settembre è possibile caricare la propria domanda di iscrizione alle selezioni per i seguenti corsi:

– Corso IFTS in Tecniche di installazione e manutenzione di impianti elettrici civili ed industriali – Impianti ecosostenibili applicati alla meccatronica per veicoli a motore (sede di Milano – Sesto S. Giovanni)


– Corso ITS in Tecnico superiore per l’automazione ed i sistemi meccatronici industriali (sedi di Milano – Sesto S. Giovanni, Bergamo, Lecco e Brescia – Lonato del Garda)


– Corso ITS in Tecnico superiore per l’automazione ed i sistemi meccatronici autoferrotranviari (sede di Milano – Sesto S. Giovanni)


– Corso ITS in Tecnico superiore per l’automazione ed i sistemi meccatronici biomedicali (sede di Milano – Sesto S. Giovanni)

Per ISCRIZIONI e INFORMAZIONI collegarsi al sito della FONDAZIONE LOMBARDIA MECCATRONICA.

ITS… ALL’OPERA

GLI STUDENTI DELL’ITS LOMBARDIA MECCATRONICA… ALL’OPERA!

Gli studenti del primo anno del Corso in Automazione e Sistemi Meccatronici Autoferrotranviari oggi, mercoledì 6 giugno, stanno svolgendo un laboratorio di impresa in cantiere presso la O.M.L. Greco in Via Ernesto Breda a Milano, nel deposito di manutenzione di Trenitalia. Un’esperienza formativa molto interessante e importante, a pochi giorni dall’avvio degli stage curricolari che porteranno i nostri studenti in diverse aziende del territorio.

Consegnati i diplomi ITS del biennio 2015/2017

CONSEGNATI I DIPLOMI AI TECNICI SUPERIORI INDUSTRIALI DELLA SECONDA EDIZIONE

Mercoledì 30 maggio presso le Opere Sociali Don Bosco sono stati consegnati i diplomi di Stato agli ex allievi che si sono diplomati nel luglio 2017 dopo aver svolto il loro biennio di studi presso la Fondazione ITS Lombardia Meccatronica. Per i diplomati della sede di Sesto San Giovanni e di Bergamo è stata l’occasione di rincontrarsi e di testimoniare il loro inserimento fattivo nel mondo del lavoro. I diplomi, alla presenza del direttore delle OSDB don Elio Cesari e del direttore dell’ITS ing. Raffaele Crippa, sono stati consegnati ai diplomati dalla presidente della Fondazione, dottoressa Monica Poggio.

Concorso Nazionale dei Capolavori dei Settori Professionali CNOS-FAP

ALLE OSDB LA PREMIAZIONE DEI “CAPOLAVORI” CNOS-FAP

Da lunedì 7 maggio a venerdì 11 maggio 2018 si svolgerà, nella sede delle Opere Sociali Don Bosco di Sesto San Giovanni, il XII Concorso Nazionale Dei Centri di Formazione Professionale d’Italia, Settori elettrico automazione, elettrico domotico e dell’area informatico digitale.

Il concorso è organizzato dal CNOS-FAP Nazionale in collaborazione con numerose aziende che sostengono l’iniziativa.

Il programma prevede per ciascun settore la realizzazione di un capolavoro nella migliore tradizione della scuola salesiana.

I 42 ragazzi partecipanti provengono da 25 Centri di Formazione Professionale italiani e la loro prova si concluderà con la presentazione di quanto realizzato alla presenza della giuria composta da professionisti del mondo aziendale.

Venerdì 11 maggio 2018 è prevista la Cerimonia di Premiazione dei Vincitori presso l’auditorium BCC Milano di Sesto San Giovanni.

Per la premiazione si aggiungeranno anche i partecipanti del concorso del settore meccanico che si svolge negli stessi giorni presso il Centro Salesiano di Arese e che vede coinvolti 21 ragazzi.

Alla premiazione sarà presente il Calcio Monza 1912.

Per saperne di più: http://www.concorsicnosfap.it/

AB(BRACCIA) IL FUTURO!

Due robot per il nuovo laboratorio di Industria 4.0

https://www.produzionidalbasso.com/project/ab-braccia-il-futuro/

Le Opere Sociali Don Bosco di Sesto San Giovanni da sempre puntano verso il futuro e l’innovazione. Un gruppo di nostri studenti ha perciò partecipato a un progetto di raccolta fondi (crowdfunding) promossa dal MIUR in collaborazione con Fastweb, che consentirà l’acquisto di due braccia meccaniche ABB.

Obiettivo del progetto è raccogliere 10.000 euro entro il prossimo 26 aprile, raggiunti i quali Fastweb ne donerà altri 10.000. I due robot saranno specializzati  nello svolgimento di operazioni congiunte di spostamento di oggetti, di carico e scarico su nastri trasportatori, di montaggio e smontaggio di componenti. Saranno collocati in un nuovo edificio che la scuola sta ora realizzando. In questo edificio saranno ospitati laboratori altamente tecnologici, fra cui un Laboratorio di Industria 4.0, dove le macchine interagiranno tra loro, trasferendo dati di processo e decidendo come gestire imprevisti e variabili.

Il Laboratorio Industria 4.0 sarà dotato di una Control Room per la gestione in remoto di lavorazioni e di processi in genere, esterni ed interni al laboratorio. Al suo interno saranno presenti:  un “corner” con i due robot per realizzare missioni congiunte collegato a uno spazio dotato di sistema a realtà aumentata con dispositivi smart glass oculus; un “corner” con scanner e stampante 3D; un “corner” con un centro di lavoro a CNC da laboratorio; un “corner” di lavoro con un banco con attrezzi e strumentazione per testare piccoli impianti elettro-pneumatici e/o sviluppare prototipi di elettronica controllati con PLC e Arduino; un “corner” con una macchina a taglio laser.
Il Laboratorio sarà inoltre dotato di un’area didattica dove archiviare in apposite “lavagne digitali” le esperienze laboratoriali effettuate dagli allievi; di applicazioni ICT per consentire l’interazione tra le apparecchiature tecnologiche installate e i tablet di cui tutti gli studenti della scuola sono dotati.

Si tratta di un’occasione importantissima per il rinnovo tecnologico dei laboratori della nostra scuola: per questo chiediamo a tutti un contributo di qualsiasi entità.

Per partecipare alla donazione si può visitare il seguente link, nel quale è presentato il nostro progetto “Ab(BRACCIA) il Futuro!” e sono indicate le modalità di donazione: http://sostieni.link/17775G

Per donare un contributo è necessario cliccare su “Sostieni questo progetto”, registrarsi in pochi passaggi a Produzioni dal basso, la piattaforma che organizza la raccolta fondi, ed essere in possesso di una carta di credito. Ringraziamo sin da ora chi vorrà sostenere questo nostro progetto, attraverso una donazione, ma anche con il passaparola.

Nuovo video AB(BRACCIA) IL FUTURO!

Tra sei giorni si concluderà il progetto “Ab(braccia) il futuro”, con il quale la scuola intende finanziare due robot per il laboratorio di Industria 4.0 che sarà presente nel nuovo edificio in costruzione. Ogni contributo anche minimo può essere decisivo! Poiché ci è stata segnalata da parte di molte persone la difficoltà a effettuare donazioni tramite il sistema di pagamento PayPal del progetto, vi informiamo che da oggi è possibile anche dare il proprio contributo con un bonifico sul conto corrente della scuola, scrivendo nell’oggetto “CROWDFUNDING”. Il conto corrente del BANCO POPOLARE è intestato alle “Opere Sociali don Bosco”. L’IBAN è il seguente: IT75N0503401628000000019000. 

A questi link i video di presentazione del progetto:

Primo video AB(BRACCIA) IL FUTURO!

Secondo video AB(BRACCIA) IL FUTURO!

Terzo video AB(BRACCIA) IL FUTURO!

Quarto video AB(BRACCIA) IL FUTURO!

Quinto video AB(BRACCIA) IL FUTURO!

Sesto video AB(BRACCIA) IL FUTURO!

Settimo video AB(BRACCIA) IL FUTURO!

Ottavo video AB(BRACCIA) IL FUTURO!

Nono video AB(BRACCIA) IL FUTURO!

N.B. Il fisco aiuta chi aiuta gli altri! Nella dichiarazione dei redditi è possibile inserire anche le erogazioni liberali a favore di istituti statali e paritari senza scopo di lucro appartenenti al sistema nazionale di istruzione di cui alla Legge n. 62/2000. Se sei un privato il tuo contributo è detraibile, nella misura del 19% dell’importo donato, per le erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado. Se sei un’impresa donare può essere vantaggioso per la tua impresa perché la donazione è deducibile nel limite del 2% del reddito d’impresa dichiarato e comunque nella misura massima di 70.000 euro annui 

VI incontro Anipla alle Opere Sociali Don Bosco

Automazione: la figura professionale del diplomato

Nonostante il diffondersi di informazioni e il potenziarsi dei mezzi di comunicazione, può accadere che alcuni studenti, diplomati o neo diplomati, malgrado abbiano seguito un curriculum di studi in ambito tecnico-professionale, si trovino in difficoltà ad effettuare una scelta lavorativa appropriata e non prendano in considerazione la possibilità di un inserimento in aziende operanti nel campo della Automazione. D’altra parte, la limitata conoscenza che il mondo produttivo a volte ha della preparazione impartita dagli Istituti Tecnici o Professionali, può portare ad una scarsa valorizzazione delle potenzialità dei giovani diplomati, o anche a ricercare personale da assumere dotato di assai minori competenze specifiche. Per contribuire al superamento di questi inconvenienti, da anni l’ANIPLA si fa promotrice di iniziative finalizzate ad avvicinare il mondo della formazione con quello delle imprese operanti nel settore dell’Automazione, organizzando incontri tra le aziende associate e gli studenti interessati a una carriera professionale in questo settore. L’incontro, aperto a tutti gli allievi, è rivolto in particolare a quelli prossimi al conseguimento
di un diploma tecnico o professionale e agli studenti frequentanti corsi di Istruzione Tecnica Superiore (ITS) nel campo dell’Automazione. Per favorire una partecipazione attiva, dopo le presentazioni delle Aziende intervenute, è previsto un ampio spazio per il dibattito con gli studenti.

P R O G R A M M A
9.45 ■ Registrazione dei partecipanti
10.10 ■ Saluto di Don Elio Cesari Direttore delle Opere Sociali Don Bosco
10.20 ■ Introduzione all’incontro Raffaele Crippa Direttore ITS Lombardia Meccatronica; Carlo Marchisio Vice Presidente della Sezione ANIPLA di Milano
10.40 ■ Presentazione delle Aziende: Heidenhain Italiana S.r.l. – Oscar Arienti; Mitsubishi Electric Europe B.V. – Cinzia Gallina e Loris Casarini; B&R Automazione Industriale S.r.l. – Gloria Maniezzo e Antonio Valsecchi.
11.55 ■ Intervallo
12.15 ■ Presentazione delle Aziende: Schmersal S.r.l. – Giovanni Lucido; Balluff Automation srl con socio unico – Daniele Bollano; ISPE Le esperienze professionali degli Young Professional dell’associazione ISPE: esperienza professionale in società di ingegneria – Lucrezia Negri e Matteo Pracchia.
13.30 ■ Discussione e chiusura dei lavori